Silvia Giordano si occupa di arti performative e teatri d’opera, giornalista pubblicista e danzatrice, è anche assistente alla regia di produzioni liriche e coreografa, curatrice di progetti artistici in festival e master di organizzazione dello spettacolo.

E’ stata Visiting Fellow alla SOAS di Londra, all’IREMUS (Institut de recherche en Musicologie) di Parigi e alla Sorbona di Parigi nel dipartimento di amministrazione della musica dove è stata anche lettrice di management musicale e gestione degli eventi culturali per il master in Administration et Gestion de la Musique. E’ docente dei corsi di «Prodotto Teatrale e Operistico» e del «Workshop progettuale di Organizzazione, Gestione e Promozione di un Evento dello Spettacolo» al Master in Management degli Eventi dello Spettacolo a Palazzo Spinelli e collabora come ricercatrice con il centro Ask (Laboratorio di economia e gestione delle istituzioni e delle iniziative artistiche e culturali) dell’Università Commerciale Luigi Bocconi.

Dal 2016 al 2017 è assistente alla curatela dei progetti internazionali del Festival Fabbrica Europa che si tiene ogni anno alla Stazione Leopolda e membro del Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO dal 2014 al 2018.

Dal 2013 è giornalista pubblicista iscritta all’Ordine dei giornalisti della Toscana.

Come critica di danza ha collaborato con numerose riviste specializzate in arti performative tra cui Gb Opera.it e Artribune, ha fatto parte della redazione di Sailing & Travel e attualmente si occupa di temi legati all’economia dell’arte e della cultura per Toscana24-Il Sole 24 Ore.

Nel 2016 discute la sua testi di dottorato sulle pratiche di internazionalizzazione delle fondazioni liriche in Italia e in Cina nel track di Management and Development of Cultural Heritage all’IMT School of Advanced Studies di Lucca, ricevendo anche il titolo di Doctor Europaeus. Ha una laurea magistrale in Progettazione dei Sistemi Turistici presso l’Ateneo di Firenze con una tesi sul giornalismo di viaggio on-line nella comunicazione della destinazione culturale Friuli Venezia Giulia e una laurea triennale in Lingue e letterature straniere, cinese e spagnolo, con una tesi sulla diplomazia della Cina in Africa. Nel 2012 si specializza in cultura, economia e diritto nei processi di internazionalizzazione verso la Cina con il master CEDIC al Polo Universitario di Prato e nel 2013 partecipa al Corso di Opera management organizzato da Opera Europa al Lake Balaton in Ungheria.

Parallelamente alla carriera accademica si forma come danzatrice: a 14 anni viene ammessa all’Accademia Internazionale Coreutica di Firenze e successivamente vince una borsa di studio per il biennio di formazione in danza contemporanea al Balletto di Toscana.

Prosegue i suoi studi a Londra e a Parigi lavorando in diverse produzioni coreutiche e partecipando a numerosi spettacoli in teatri lirici italiani e stranieri. Nel 2015 inizia ad occuparsi di regia lirica: è coreografa e assistente alla regia al Maggio Musicale Fiorentino, al Teatro La Fenice di Venezia, all’Opéra di Tours e al Teatro del Giglio di Lucca.

Tra le sue pubblicazioni, “Originated in China: Western Opera and International practices in the Beijing National Centre for the performing arts” pubblicato sul Journal of Cultural Management & Policy e “Pop-Up Museums: challenging the notion of the museum as a permanent institution” pubblicato su Predella, rivista scientifica di arti figurative dell’Università di Pisa.